La squadra di Allegri si dimostrerà una capolista o semplicemente un team di serie A.

Un Milan non al pieno delle sue possibilità, un Milan che è sì felice per aver vinto contro il Barcellona ma ha dell’amaro in bocca per non aver chiuso contro l’Inter, un Milan che deve correre e correre forte per recuperare quei punti che la tengono distante dalla capolista. Tutto può succedere nel calcio, di questo ne siamo consapevoli e le rimonte sono all’ordine del giorno.

Di certo la stagione è ancora aperta e le sorprese non mancheranno. La sfida di domenica cosa ci farà vedere: un Milan al top o dei rossoneri che potrebbero dare di più; insomma ci gusteremo un vino di quelli definiti d’annata o un semplice vino da tavola comprato al supermercato? Nulla da dire contro i vini da tavola, ma concorderete con noi se diciamo che se si beve un ottimo Picolit Livio Fegulla, si sente.

Forse per comprarlo rinunceremo ad andare fuori a cena un paio di volte o a qualche altro vizietto ma un vino di qualità merita. E non nel senso che ti cambia la vita ma che la rende migliore: il vino o il calcio non possono rendere felice una persona per tutta la vita ma possono, questo sì, dargli dei momenti di pura estasi e poesia.

Se la squadra del cuore vince, per di più dopo una rimonta clamorosa, allora quello è un momento di pura estasi. Se invece riesce a rimanere in serie A ma non porta a casa nessun risultato, allora ci si accontenta. E il Milan, secondo noi, ha tutte le carte in tavola per essere un Picolit Livio Fegulla, per essere quella che vince e non solo pareggia.

 

 

Lascia un commento

commenti