L’espansione di questo bianco sembra inarrestabile: dagli USA fino al Giappone, è ritenuto il terzo bianco più amato, con indici di gradimento in costante crescita previsti per altri 4 anni.

E’ una potenza tutta italiana quella di saper soddisfare ogni esigenza vinicola, inizialmente quella della “Moscato-mania” negli Stati Uniti, facendo guadagnare a questo bianco il terzo posto nel suo settore, e successivamente quella in Giappone per l’Asti, uno dei vini preferiti del Paese quasi prossimo a surclassare lo Champagne con i suoi 1,8 milioni di bottiglie vendute nel 2011.

Secondo “Wine Spectator”, nota rivista americana, il Moscato sarebbe diventato più popolare di altri vini “tradizionali”, come dichiara Marc Taub, presidente di Palm Bay Imports, le aspettative sulla crescita del Moscato sono quelle di un aumento esorbitante fino a tre o quattro anni!

Lascia un commento

commenti