È una delle più importanti manifestazioni mondiali riguardanti il mondo del formaggio e anche quest’anno ha messo le sue radici a Bra, in provincia di Cuneo, nel cuore delle magnifiche Langhe piemontesi.

Cheese 2011” ha aperto in grande stile venerdì 16 settembre con migliaia di produttori di formaggi, latticini e derivati che sono arrivati con i loro prodotti da ogni parte del mondo per partecipare e presentare le eccellenze derivate dal loro intenso lavoro che compiono con amorevole impegno.

Dai formaggi più “strani” ai presidi “Slow Food“, che continuano ogni anno la loro impresa per mantenere i loro prodotti unici nel loro genere con il prezioso supporto del movimento internazionale Slow Food, dal formaggio svizzero prodotto con le vinacce derivate dalla produzione di grappa, ai formaggi provenienti dal Regno Unito e dalla Romania, fino a tornare in Italia con i presidi Slow Food del Parmigiano Reggiano di vacche bianche e ancora il Castelmagno cunese.

All’ottava edizione di “Cheese” sono arrivati centinaia di produttori e affinatori di prodotti caseari. Una rete internazionale che si è riunita e che ha permesso ai visitatori di trovare rarità ed eccellenze da tutto il mondo, incontrare nuovi sapori o riscoprire quelli antichi.

Tra scambi di sguardi, di parole e di semplici gesti tra visitatori e produttori si è creata un’atmosfera che ha riempito ogni chiosco, ogni via e piazza facendo sorgere un altro affascinante aspetto di questa manifestazione unica del mondo caseario internazionale.

Il Vinauta c’era… e voi?

Lascia un commento

commenti