Si parla molto spesso quest’oggi, (forse anche troppo) di vini e colture biodinamiche. Ma le aziende vinicole che decidono di prendere questa nuova strada e impegnarsi seriamente per essere 100% biodinamiche sono ancora poche. Una di queste è l’azienda agricola Alois Lageder, radicata nel mezzo delle meravigliose Dolomiti, in Alto Adige.

È la prima azienda per superficie certificata BIO in Europa; l’altitudine va dai 180 ai 1000 metri di altezza.

Tutti i vini prodotti vengono da vitigni 100% biodinamici il che significa massimo rispetto del terreno – il vigneto Römigberg viene terrazzato e coltivato a cavallo –; inoltre i viticoltori dell’azienda agricola Alois Lageder pongono una particolare attenzione alle piante da frutto, che circondando le tenute generando batteri utili al sostentamento prolungato delle viti.

Un’altra particolarissima operazione svolta per creare un continuo equilibrio tra viti e terra è quella chiamata “corno letame”: la torba viene inserita nel corno della mucca femmina (ogni anello segna una gravidanza) perché procreatrice; il corno viene sotterrato a testa in giù in fosse comuni nel periodo autunnale così da generare e ottenere “energia” da ridare al terreno quando ne ha bisogno, nel periodo estivo ad esempio.
“Esso” afferma lo stesso Alois Lageder, “dinamizza il terreno, lo rende vivo, dinamico appunto!”.

La cantina Alois Lageder muove i primi passi nel Biodinamico nel 1990, quando ancora era poco conosciuto; ha dovuto investire molto, sia in denaro che in tempo e forza, per arrivare dove è adesso.
“La soddisfazione di produrre vini superbi rispettando la terra su cui viviamo e la consapevolezza che i nostri figli la troveranno identica a come è oggi, è impagabile.”

Lascia un commento

commenti